LE ARTI MARZIALI POSSONO MIGLIORARE LA TUA ATTENZIONE A LUNGO TERMINE, SECONDO IL NUOVO STUDIO

Sia la tua mente che il tuo corpo potrebbero trarre beneficio da questo tipo di attività

Le arti marziali richiedono un buon livello di forza fisica, ma chi inizia ad allenarsi deve anche sviluppare un’incredibile quantità di acutezza mentale.

La forza mentale è così importante per le arti marziali che i ricercatori hanno scoperto che la forza dei pugni degli esperti di karate può dipendere da un migliore controllo del movimento muscolare nel cervello, piuttosto che da una maggiore forza muscolare. Altri studi hanno anche scoperto che i bambini che praticano il taekwondo ottengono punteggi nei test di matematica e comportamenti migliori.

Il che porta a una domanda interessante: prendere parte alle arti marziali fa sì che il cervello sviluppi un controllo migliore o le persone con queste caratteristiche cerebrali scelgono di fare arti marziali? È qualcosa che il nostro team sta cercando, con risultati interessanti.

Attenzione marziale

Abbiamo misurato specificamente l’attenzione per valutare il controllo mentale, poiché ricerche precedenti hanno suggerito che la consapevolezza e l’esercizio fisico possono entrambi avere effetti benefici sull’attenzione. Si potrebbe sostenere che le arti marziali sono una combinazione di entrambi: sport attivi che coinvolgono aspetti di meditazione e consapevolezza.

Nel nostro studio recentemente pubblicato, abbiamo reclutato 21 adulti dilettanti che praticano arti marziali (karate, judo e taekwondo, tra gli altri) e 27 adulti senza esperienza nello sport, per prendere parte a un test di rete dell’attenzione.

Questo test valuta tre diversi tipi di attenzione: allerta (mantenimento di un senso di vigilanza); orientante (lo spostamento dell’attenzione) ed esecutivo (coinvolto nella scelta della risposta corretta in caso di informazioni contrastanti).

Eravamo particolarmente interessati alla rete di allerta, che può rivelare quanto sia vigile una persona. Se una persona ha un punteggio di allerta alto in questo test, suggerirebbe che è in grado di rispondere meglio a obiettivi a tempo imprevedibile rispetto a quelli con un punteggio basso.

Sebbene ci siano differenze tra ogni arte marziale in termini di filosofie fondamentali, intensità e se si tratta più di un’arte marziale “combattiva” o più “meditativa”, non abbiamo discriminato il tipo a cui hanno preso parte i nostri partecipanti.

La ricerca futura potrebbe confrontare i diversi tipi, ma per questo studio eravamo più interessati all’attenzione generale degli artisti marziali rispetto a quella degli artisti non marziali.

Test di combattimento

Abbiamo invitato i partecipanti al nostro laboratorio e registrato i dettagli della loro esperienza nelle arti marziali (incluso il tipo, la frequenza con cui praticano e da quanti anni sono stati coinvolti nello sport) prima di chiedere loro di prendere parte all’attività basata su computer .

Ciò ha comportato che i partecipanti vedessero una fila di cinque frecce e dovessero rispondere alla direzione della freccia centrale premendo il pulsante di una lettera sulla tastiera (“c” per le frecce rivolte a sinistra e “m” per destra) il più rapidamente possibile . In alcune prove, è stato dato loro un segnale di avvertimento che diceva loro che le frecce sarebbero apparse presto, e in altre non lo erano.

In genere nella maggior parte degli allenamenti di arti marziali c’è un elemento di sparring, che è una forma di combattimento simulato con un partner. Uno degli obiettivi di questo è che i partner cercheranno di rimanere concentrati ed evitare che il loro partner contatti. Dopotutto, nessuno vuole essere preso a pugni in faccia.

È raro che un avversario sparring dia un chiaro avvertimento del tempismo esatto di un pugno, quindi il partner in difesa deve stare attento, o vigile, in ogni momento, per essere pronto a schivare il colpo.

Durante la nostra ricerca, i partecipanti alle arti marziali hanno prodotto punteggi di allerta più elevati rispetto ai nostri artisti non marziali. Ciò significa che gli artisti marziali hanno risposto alle frecce più velocemente, soprattutto quando non hanno ricevuto un avvertimento. Ciò significa che hanno un maggiore livello di vigilanza, che potrebbe riflettere un controllo cognitivo più forte.

Abbiamo anche esaminato gli effetti della pratica delle arti marziali a lungo termine e abbiamo scoperto che la vigilanza era migliore negli artisti marziali con la maggior quantità di esperienza. Molti dei nostri partecipanti che avevano più di nove anni di esperienza nello sport, hanno mostrato la migliore prontezza nei nostri test. Ciò suggerisce che più a lungo una persona si attacca alle arti marziali, maggiore è la sua ricompensa.

Facendo un ulteriore passo avanti, sembra che gli effetti di una migliore attenzione possano durare a lungo, piuttosto che solo un breve impulso dopo l’allenamento.

Mentre si potrebbe sostenere che le arti marziali sono semplicemente tra le molte attività che possono portare a una salute migliore, quello che noi e altri ricercatori abbiamo scoperto è che la loro pratica è uno di quei rari crossover che aiuta a migliorare in modo significativo il cervello tanto quanto il corpo.

Ashleigh Johnstone è una ricercatrice PhD in neuroscienze cognitive presso la Bangor University. Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su The Conversation

Ashleigh Johnstone  / Tuesday 27 February 2018 

https://www.independent.co.uk/life-style/health-and-families/martial-arts-health-benefits-exercise-mental-attention-alertness-judo-a8220936.html

Categorie: SKWROMA