Nozioni di base organizzative del processo di educazione e formazione inclusiva per gli atleti di karate con disabilità

L’educazione fisica e lo sport per le persone con disabilità sono le aree della riabilitazione fisica e sociale. L’implementazione di questo può essere possibile attraverso l’uso di un approccio inclusivo nel processo di formazione degli atleti con disabilità. Sono state condotte misurazioni antropometriche e test di atleti con disabilità per determinare l’impatto di un approccio inclusivo nella costruzione del processo di allenamento. Lo scopo principale di questa ricerca condotta dalla Research Institute of National University of Ukraine on Physical Education and Sport, Kiyv, Ukraine,  National University of Ukraine on Physical Education and Sport, Professional, Non-Olympic and Adaptive Sports Department, Kiyv, Ukraine, Taras Shevchenko National University of Kyiv, Kiyv, Ukraine dai ricercatori Iryna Kohut, Olha Borysova, Viktoriia Marynych, Kateryna Chebanova, Natalia Filimonova, Теtiana Кropyvnytska e Kyrylo Krasnianskiy, era dimostrare l’impatto positivo delle sessioni di allenamento inclusive all’interno del programma sviluppato sullo sviluppo delle capacità fisiche degli atleti con disabilità. La ricerca ha utilizzato metodi teorici (analisi della letteratura scientifica e metodologica; analisi dei programmi sportivi per atleti con disabilità), empirici (osservazione pedagogica; sperimentazione pedagogica), nonché metodi di statistica matematica. I risultati della ricerca hanno mostrato un impatto positivo della formazione sul programma di karate sviluppato per le persone con disabilità. Ha inoltre presentato l’aumento dei risultati dei test negli esercizi “Sit and reach test”, “Standing long jump” e Abdominal crunch”.

Sit and reach test

L’obiettivo del SIT AND REACH TEST è misurare la flessibilità della bassa schiena e dei muscoli posteriori della coscia.

Standing long jump 

Il salto in lungo in piedi, chiamato anche salto in largo, è un test comune e facile da amministrare per la potenza esplosiva delle gambe.

Abdominal crunch

Questa è una descrizione generale di un test di sit-up per misurare la resistenza dei muscoli addominali (chiamato anche test di curl-up o crunch).

Introduzione

L’analisi dell’esperienza pratica di allenamento nel karate e le basi scientifiche dei risultati delle ricerche di esperti nazionali e stranieri nel campo della cultura fisica adattiva hanno permesso di descrivere i fondamenti teorici e metodologici di base e le disposizioni dell’allenamento di atleti con disabilità (Kohut, & Goncharenko, 2013, 2018; Greco, Fischetti, Cataldi, & Latino, 2019; Imas, Borysova, Kohut, Yarmolenko, & Shlonska, 2018). Il problema della costruzione del processo educativo per gli atleti con disabilità (atleti di karate) è attualmente di forte interesse a causa delle attuali tendenze nazionali e mondiali che si verificano nello spazio educativo, scientifico e sportivo (Kohut et al., 2018, 2019) . In particolare, viene introdotta l’educazione inclusiva presso le istituzioni educative di diversi livelli, vengono effettuate varie ricerche scientifiche sulla determinazione dell’impatto degli allenamenti congiunti per persone con disabilità e atleti. Nella ricerca di specialisti nazionali e stranieri nel campo della cultura fisica e dello sport, sono stati evidenziati alcuni aspetti riguardanti l’educazione fisica inclusiva (Mihajlovic, 2017; McGrath, Crawford, & O’Sullivan, 2019). La generalizzazione di fonti e materiali recenti di Internet ha rivelato che i problemi di realizzazione dell’educazione fisica inclusiva e i principi specifici dell’educazione fisica dei bambini in età prescolare nelle condizioni dell’educazione inclusiva sono sollevati nei lavori di Pasichnyk (2017). Adyrkhaieva (2016) ha scritto sulle moderne tecnologie di educazione fisica degli studenti con disabilità nelle condizioni di educazione inclusiva. Troyanovska (2018) ha osservato gli aspetti teorici delle lezioni di educazione fisica con studenti con bisogni educativi speciali nelle condizioni di educazione inclusiva. Tuttavia, la questione di un processo di formazione inclusivo non è stata affrontata dagli scienziati. Si presumeva che l’implementazione del programma di karate sviluppato per le persone con disabilità avrebbe aumentato il livello di sviluppo fisico e forma fisica di questo gruppo di persone. Lo scopo della ricerca era quello di convalidare i principi organizzativi del processo educativo inclusivo per gli atleti di karate con disabilità.

Partecipanti alla ricerca

La ricerca ha coinvolto atleti di 14-20 anni (5 ragazzi e 5 ragazze) con disabilità di diverso genere che presentano paralisi cerebrale, ritardo fisico e autismo. I bambini e i loro genitori sono stati informati di tutte le caratteristiche della ricerca e hanno accettato di partecipare allo studio.

Per determinare l’efficacia di un approccio inclusivo alla costruzione del processo di allenamento degli atleti di karate con disabilità, sono state condotte misurazioni antropometriche e test degli atleti, che comprendevano due fasi (valutazione sommativa della I e II fase dello studio). La ricerca è stata condotta sulla base del Center for Social and Psychological Rehabilitation of Children and Youth with Functional Disabilities of Darnytskyi District da ottobre 2017 a ottobre 2018. È stata creata sulla base del programma di addestramento di karate della WKF per bambini e giovani scuole sportive.

I principi generali dell’organizzazione del processo educativo e formativo secondo questo programma erano l’approccio individuale, la sequenza e la presentazione graduale del materiale. I metodi utilizzati nelle classi dipendevano dalla complessità dei compiti e dalle caratteristiche individuali degli atleti. La parte pratica del programma è stata finalizzata allo sviluppo delle qualità fisiche: forza, resistenza, coordinazione, flessibilità e velocità, che è stata caratterizzata dall’attuazione di esercizi fisici appropriati per aumentare il livello di forma fisica degli atleti.

Per l’attuazione della prima componente (valutazione sommativa della I fase dello studio), è stato condotto uno studio che ha consentito di valutare il livello di sviluppo fisico e lo stato di salute dei bambini con disabilità.

La valutazione dello sviluppo fisico del gruppo di bambini studiato è stata condotta confrontando gli indicatori effettivi (valutazione sommativa delle fasi I e II dello studio) e gli indicatori antropometrici necessari per lo sviluppo fisico dei bambini. I risultati della misurazione degli atleti sono distribuiti rispetto agli intervalli centili secondo le raccomandazioni dell’OMS.

Per svolgere la seconda componente della ricerca (valutazione formativa) il processo educativo e formativo è stato costruito secondo il metodo di allenamento sviluppato per atleti di karate con disabilità. Durante questo studio, è stato sviluppato e messo in pratica un programma di allenamento di karate per atleti con disabilità dal 2017 al 2018.

Per l’attuazione della terza componente dello studio (valutazione sommativa della II fase dello studio), che è stata condotta per identificare i cambiamenti nel livello di idoneità fisica dei bambini con disabilità utilizzando il nuovo programma di formazione, è stata effettuata una ricerca sul livello di forma fisica dei bambini con disabilità.. La sua complessità era quasi la stessa del precedente. A tal fine, oltre che per la prima volta, sono stati utilizzati test e standard di valutazione dell’idoneità fisica.

Per realizzare la quarta componente della ricerca (elaborazione e generalizzazione dei risultati), sono state effettuate l’analisi e la sistematizzazione dei risultati ottenuti. Per dimostrare chiaramente l’efficacia del programma di formazione, è stato effettuato un confronto dei risultati della valutazione sommativa delle fasi I e II dello studio.

Conclusioni

Pertanto, i risultati ottenuti, ovvero il miglioramento del livello degli indicatori di sviluppo fisico (altezza, peso corporeo) e forma fisica (livello di sviluppo della flessibilità, capacità di velocità e potenza, resistenza alla forza) testimoniano l’efficacia dell’applicazione del programma di allenamento di karate sviluppato per atleti con disabilità durante il processo di allenamento. Durante lo svolgimento della valutazione sommativa della II fase dello studio, gli atleti hanno padroneggiato la tecnica corretta per eseguire gli esercizi proposti e hanno eseguito completamente tutti i test fisici senza commettere errori nell’esecuzione. Gli indicatori del test “Sit and reach test” sono migliorati complessivamente del 73,1% con il test “Standing long jump” del 2,3% e il test “Abdominal crunch” del 33,4%.

Il compito principale di un approccio inclusivo nell’organizzazione del processo di formazione degli atleti è la loro socializzazione e integrazione nella società. È stato scientificamente dimostrato che l’educazione fisica e lo sport inclusivi hanno un impatto positivo su tutti i partecipanti al processo di formazione (Klavina, Ostrovska, & Campa, 2017; Mihajlovic, 2017; McGrath et al., 2019). Oggi, il programma Special Olympics “Unified Sports” risolve compiti simili, che promuove l’integrazione degli atleti con disabilità intellettive nella società e consente sia agli atleti Special Olympics che ai loro partner di migliorare le loro abilità sportive e sociali.

Fonte Ricerca: www.sportmont.ucg.ac.me