LE ARTI MARZIALI POTENZIANO LE FACOLTÀ DEL CERVELLO, BENEFICI PER TUTTE LE ETA’ – MIGLIORA L’ATTENZIONE – RIDUCE L’AGGRESSIVITA’ – MAGGIORE GESTIONE DELLO STRESS – MIGLIORA IL BENESSERE EMOTIVO – MIGLIORA LA MEMORIA

È stato dimostrato che il karate migliora anche il benessere emotivo di una persona
(Shutterstock)

Siamo tutti consapevoli che l’esercizio in genere ha molti vantaggi, come migliorare la forma fisica e la forza. Ma cosa sappiamo degli effetti di specifici tipi di esercizio? I ricercatori hanno già dimostrato che il jogging può aumentare l’aspettativa di vita, ad esempio, mentre lo yoga ci rende felici.

Tuttavia, c’è un’attività che va oltre il miglioramento della salute fisica e mentale: anche le arti marziali possono aumentare la cognizione del cervello.

I ricercatori dicono che ci sono due modi per migliorare l’attenzione, attraverso l’addestramento all’attenzione (AT) e l’addestramento sullo stato dell’attenzione (AST). L’AT si basa sulla pratica di un’abilità specifica e sul miglioramento di quell’abilità, ma non di altre, ad esempio usando un videogioco per l’allenamento del cervello.

AST, d’altra parte, consiste nell’entrare in uno stato mentale specifico che consente una maggiore concentrazione. Questo può essere fatto usando esercizio, meditazione o yoga, tra le altre cose.

È stato suggerito che le arti marziali siano una forma di AST e, a sostegno di ciò, recenti ricerche hanno dimostrato un legame tra pratica e maggiore vigilanza. Sostenendo ulteriormente questa idea, un altro studio ha dimostrato che la pratica delle arti marziali – in particolare il karate – è collegata a prestazioni migliori in un compito di attenzione divisa.

Questo è un compito in cui la persona deve tenere a mente due regole e rispondere ai segnali in base al fatto che siano uditivi o visivi.

In uno studio statunitense, i bambini di età compresa tra gli otto e gli 11 anni sono stati incaricati di allenare le arti marziali tradizionali incentrato sul rispetto delle altre persone e sulla difesa di se stessi come parte di un programma anti-bullismo. Ai bambini è stato anche insegnato come mantenere un livello di autocontrollo nelle situazioni più calde.

I ricercatori hanno scoperto che l’allenamento nelle arti marziali riduceva il livello di comportamento aggressivo nei ragazzi e hanno scoperto che erano più propensi a intervenire e aiutare qualcuno che era vittima di bullismo rispetto a prima che prendessero parte all’addestramento.

Non sono stati riscontrati cambiamenti significativi nel comportamento delle ragazze, potenzialmente perché mostravano livelli di aggressività fisica molto più bassi prima dell’allenamento rispetto ai ragazzi.

È interessante notare che questo effetto antiaggressione non è limitato ai bambini piccoli. Un altro pezzo di ricerca ha rilevato una riduzione dell’aggressività fisica e verbale, nonché dell’ostilità, negli adolescenti che praticavano anche arti marziali.

Alcune forme di arti marziali, come il tai chi, pongono grande enfasi sulla respirazione controllata e sulla meditazione. Questi erano fortemente collegati in uno studio con una ridotta sensazione di stress, oltre ad essere in grado di gestire meglio lo stress quando è presente negli adulti giovani e di mezza età.

Questo effetto è stato riscontrato anche negli anziani – anche i 330 partecipanti a questa ricerca avevano un’età media di 73 anni. E i movimenti più morbidi e fluidi lo rendono un esercizio ideale ea basso impatto per le persone anziane.

Poiché diversi scienziati stanno ora esaminando i collegamenti tra benessere emotivo e salute fisica, è fondamentale notare che le arti marziali hanno dimostrato di migliorare anche il benessere emotivo di una persona.

Nello studio collegato sopra, a 45 adulti più anziani (di età compresa tra 67 e 93 anni) è stato chiesto di prendere parte ad un allenamento di karate, allenamento cognitivo o allenamento fisico non marziale per tre-sei mesi.

Gli anziani nell’allenamento di karate hanno mostrato livelli di depressione più bassi dopo il periodo di allenamento rispetto ad entrambi gli altri gruppi, forse a causa del suo aspetto meditativo. È stato anche riferito che questi adulti hanno mostrato un maggiore livello di autostima anche dopo l’allenamento.

Dopo aver confrontato un gruppo di controllo sedentario con un gruppo di persone che praticano karate, i ricercatori italiani hanno scoperto che prendere parte al karate può migliorare la memoria di lavoro di una persona. Hanno utilizzato un test che prevedeva il richiamo e la ripetizione di una serie di numeri, sia nell’ordine corretto che all’indietro, che aumentavano in difficoltà fino a quando il partecipante non era in grado di continuare.

Il gruppo di karate era molto più bravo in questo compito rispetto al gruppo di controllo, il che significa che potevano ricordare serie di numeri più lunghe. Un altro progetto ha trovato risultati simili confrontando la pratica del tai chi con l ‘”esercizio occidentale”: forza, resistenza e allenamento di resistenza.

Evidentemente, c’è molto di più nelle arti marziali rispetto ai suoi ruoli tradizionali. Sebbene siano stati praticati per l’autodifesa e lo sviluppo spirituale per molte centinaia di anni, solo relativamente di recente i ricercatori hanno avuto i metodi per valutare la reale portata di come questa pratica influisce sul cervello.

Ashleigh Johnstone è una ricercatrice PhD in neuroscienze cognitive presso la Bangor University. Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Conversation

Ashleigh Johnstone / Monday 14 May 2018

https://www.independent.co.uk/life-style/health-and-families/healthy-living/martial-arts-physical-mental-benefits-health-exercise-tai-chi-karate-a8342756.html

Categorie: SKWROMA