KARATE: Alleato dell'equilibrio !

Il Parkinson è una patologia neuro-degenerativa ed ingravescente. È una patologia che rientra nelle patologie neuro-motorie. Colpisce il sistema nervoso extrapiramidale, causa dei problemi di movimento e di equilibrio. L’età d’insorgenza è intorno ai 55-60 anni, anche se ci sono rari casi in cui l’esordio è precoce (Cambier J., et al., 2008). 

I benefici dell’esercizio per la salute generale e il benessere nei giovani ed anziani sono ben consolidati. Nello specifico esercizi di equilibrio come il karate, insieme all’allenamento di resistenza, può migliorare o mantenere la funzione fisica negli anziani e aumentare la forza muscolare. Inoltre, l’attività aerobica è fondamentale per mantenere e migliorare il sistema cardiovascolare e la salute funzionale. Il karate ha recentemente avuto un aumento di popolarità tra individui con la presenza del Parkinson (PD). Mentre i partecipanti notano miglioramenti nello stress e nella funzione fisica, il rapporto karate e Parkinson è stato studiato solo in minima parte. Tuttavia, attingendo all’esperienza marziale e alla combinazione delle pratiche aerobiche, di equilibrio e di consapevolezza che comprendono il karate, con programmi di allenamento strutturati possono offrire vantaggi simili o maggiori ai partecipanti.

Il karate può cambiare i risultati cinematici nella malattia del Parkinson?

L’idea per un progetto pilota è venuto da un paziente della dottoressa Jori Fleisher, MD, MSCE, assistente professore di disturbi del movimento al Rush University Medical Center di Chicago (USA). Il nipote del paziente è John Fonseca, un istruttore di karate della città di Chicago. Sotto la guida della dottoressa Fleisher, che ha progettato e condotto lo studio, lo zio e il nipote hanno creato un programma specifico per le persone con il Parkinson. Quindici pazienti  in stadio iniziale e intermedio hanno frequentato lezioni di karate bisettimanali per 10 settimane. Dopo le 10 settimane, i partecipanti hanno riportato meno cadute e una migliore qualità della vita. In effetti, i loro punteggi su un questionario sulla qualità della vita della malattia di Parkinson auto-riferito (PDQ-39) sono aumentati di sei punti, afferma la dottoressa Fleisher.

Molti partecipanti hanno continuato il karate dopo il progetto pilota e alcuni hanno persino svolto delle gare in tornei in tutta la città con studenti “normodotati”. I risultati di questo programma, progettato per indagare la fattibilità e i primi segni di efficacia, hanno confermato l’ipotesi della Dott.ssa Fleisher che il karate potrebbe essere sicuramente utile. “Il karate combina aspetti di molte discipline già dimostrate per aiutare le persone con il Parkinson, tra cui yoga, pilates e tai chi, che hanno tutte dimostrato miglioramenti nell’equilibrio e nella forza del nucleo”.

Praticare il karate potrebbe alleviare i sintomi correlati al Parkinson ?

Ethel Meyer (a destra) durante una lezione di karate a Chicago. Foto di Taylor Glascock per la rivista The Wall Street Journal 

Il programma di allenamento con diversi movimenti ampi sono simili a quelli che costituiscono il nucleo di una terapia fisica comprovata per le persone con il Parkinson, afferma la dottoressa Fleisher. Per affrontare le sfide dell’equilibrio spesso associate al morbo di Parkinson, all’inizio non si sono svolti esercizi ai nuovi studenti stando in piedi. “Gli studenti si sdraiano sulla schiena o sui fianchi e praticano vari calci”, spiega l’istruttore, “man mano che si acquisisce familiarità con la meccanica, i partecipanti si alzano in piedi e si esercitano tenendosi a dei supporti. L’ultima fase è esercitarsi senza sorreggersi a nulla”.

“Una volta che sono in grado di stare in piedi, agli studenti viene chiesto di afferrare il suolo con le dita dei piedi, piegare le gambe, spostare il peso del corpo sulla gamba di supporto piegata, stringere gli addominali e sollevare l’altra gamba per dare un calcio rapido e scattante. Sono anche incoraggiati a esercitarsi a calciare bassi in modo che possano recuperare più velocemente e a concentrare gli occhi su un bersaglio specifico quando eseguono il calcio”, spiega ancora l’istruttore.

Foto di Taylor Glascock per la rivista The Wall Street Journal 

La dottoressa Fleisher ha presentato i risultati del suo studio preliminare al Congresso mondiale sul Parkinson a Kyoto, in Giappone, nel giugno 2019. E’ stato inoltre realizzato un film documentario sulle lezioni di karate (ideato da Jeff Spitz, fondatore di Groundswell Educational Films e professore associato di Cinema and Television Arts presso Columbia College di Chicago).

La dottoressa Fleisher sta ora conducendo uno studio randomizzato del programma di karate per un periodo più lungo per confermare i risultati dello studio pilota.

Si è riscontrato un miglioramento, clinicamente e statisticamente, significativo della qualità della vita, come misurato dal PDQ-39. Sulla base dell’impressione globale di cambiamento auto-riferita, più di tre quarti dei partecipanti si sono giudicati moderatamente o significativamente migliori. Inoltre si è riscontrato una tendenza alla riduzione delle cadute e, nei focus group post intervento, i partecipanti hanno evidenziato l’aspetto di unione al gruppo di questo intervento.